Proverbi Milanesi

(0)

Proverbi milanesi*L’appetitt l’è la salsa pù bonna che ghesia.
L’appetito è la migliore salsa che ci sia.

*Col tropp foeugh la pignatta la va dessora.
Con troppo fuoco il contenuto della pentola fuoriesce dalla pentola.

*Insalatta ben salatta, pocch aceto e ben oliata.
Insalata ben salata, poco aceto e ben oliata.

*El riss el nass in l’acqua e el moeur in del vin.
Il riso nasce nell’acqua e muore nel vino.

*La carna tacàa e l’oss l’è la pù bonna.
La carne attaccata all’osso è la più buona.

*El stuàa besogna mangiall cont el cugina.
Lo stufato bisogna mangiarlo con il cucchiaio.

*La menestra l’è la biava de l’omm.
La minestra è la biada dell’uomo.

*A fà la polenta ghe voeur l’oli de gombed.
Per fare la polenta ci vuole olio di gomito.

*Pan e nos, mangià de spos.
Pane e noci, mangiare da sposi.

*A tavola se ven mai vècc.
A tavola non si diventa mai vecchi.

*On porscell leccard el ven mai grass.
Un porcello schizzinoso non diventa mai grasso.

*Mangia, bev e tas; e viv in santa pas.
Mangia, bevi e taci; e vivi in santa pace.

*La robba per vèss assè l’ha de vanzà.
Il cibo per essere sufficiente deve avanzare.

*A tavola l’è mej speccià nun, che ne fass speccià.
A tavola è meglio aspettare che farsi aspettare.

*Quand se mangia gaudeamus, quand gh’è de pagà suspiramus.
Quando si mangia siamo contenti, quando si deve pagare invece sospiriamo.

*El vin a bo mercàa al mènna l’omm a l’ospedàa.
Il vino a buon mercato porta l’uomo all’ospedale.

*Dove gh’è el vin bon, corren tucc lor de per lor.
Dove c’è il vino buono, accorrono tutti da soli.

*El vin el fa dì quell che se dovaris minga dì.
Il vino fa dire quello che non si dovrebbe.

*Quan vun l’è ciocch, tucc ghe dan de bev.
Quando uno è ubriaco tutti gli offrono da bere.

*La robba pussèe bona l’è quella che se mangia in cà di olter.
Il cibo più buono è quello che si mangia in casa d’altri.

*Tuttcoss va al cùu salvo el manegh del cazzùu.
Tutto può essere digerito tranne il manico del mestolo.

*Chi pù bev. manch bev.
Chi più beve meno beve.

*D’ ona set trscurada se pò morì rabbiàa.
Per una sete trascurata si può morire arrabbiati.

*Chi sa el latin, loda l’acqua e bev el vin.
Chi sa parlare il latino loda l’acqua e beve il vino.

*A mangià domà erba gh’è de diventà verd.
A mangiare solo l’insalata si diventa verdi.

*Dove se tratta de paccià hin pront tucc.
Quando si tratta di mangiare a scrocco sono tutti pronti.

*L’è mèj vin cald che acqua fresca.
È meglio del vino caldo che dell’acqua fresca.

*Per la gola se ciappa el pèss.
Il pesce si prende per la gola.

*In la padella l’è bon anca on sciatt.
Nella padella è buono anche un rospo.

*L’acqua la fa marscì i fondament.
L’acqua fa marcire le fondamenta.

*A tavola besogna minga fass pregà.
A tavola non bisogna farsi pregare.

*Vun el fa la suppa e i olter la mangen.
Uno fa la zuppa e gli altri la mangiano.

*El vin l’è la terra di vècc.
Il vino è il latte dei vecchi.

*L’acqua l’è bonna de lavà i pè.
L’acqua va bene per lavare i piedi.

*La polenta la contenta.
La polenta soddisfa.

*D’aria se viv minga.
Non si vive solo d’aria.

*La verdura l’è ona pitanza che la voeur condiment in gran bondanza.
La verdura è una pietanza che vuole essere condita in abbondanza.

*Finna che dura pan e vin,se pò impipassen del destin.
Finché durano pane e vino, si può ridere del destino.

*Pan, vin e luganeghin l’è on mangià divin.
Pane, vino e cotechino è un mangiare divino.

*El vin el fa bon sangu.
Il vino fa buon sangue.

*Quaant se gh’a fam, la puleenta la paar salama.
Quando si ha fame la polenta sembra salame.

Lascia un commento